Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy.

Pubblicità

 

Istituto di Psicoterapia Sistemica Integrata

Orientamento: Sistemico-relazionale
Sede legale:Parma, Strada Vallazza 6
Sede didattica:Parma, Strada Vallazza 6
Altre Sedi: Non presenti
Contatti:tel 0521.1960006   fax  1782091918
Riconoscimento:D.M. 11.02.09 - GU n.57 del 10.03.09

Indirizzo email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito Web: http://www.idipsi.it/

Presentazione:

L'Istituto di Psicoterapia Sistemica Integrata è stato fondato da Antonio Restori, Psicologo,  Psicoterapeuta e già didatta in altre scuole, in continuità con gli obiettivi statutari dell'Associazione Culturale Coinetica, di cui è socio fondatore. La sua costituzione rientra tra i percorsi formativi previsti dallo statuto dell'Associazione, che ha come finalità principale lo sviluppo della salute e del benessere psichico della persona, e la promozione di relazioni di aiuto tra individui anche appartenenti a culture differenti.
    L'attivazione della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Sistemica Integrata, abilitata con D.M. Miur del 11.02.09,  rappresenta, anche per le istituzioni che a vario titolo promuovono la salute dei cittadini attraverso adeguati percorsi di cura, una risorsa utile e favorente processi di condivisione ed implementazione delle competenze scientifiche e di ricerca, rappresentate dalle eccellenze professionali presenti nel territorio regionale e nazionale.
    I referenti istituzionali scelti e i didatti dell'Istituto sono cultori della teoria della complessità, e quindi delle teorie dell’informazione, dei sistemi viventi, del costruttivismo e del costruzionismo sociale. A queste presmesse epistemologiche fanno riferimento, ma attraverso queste desiderano anche promuovere e divulgare riforme profonde del pensiero.
    L'Istituto affida la docenza della Scuola a professionisti dell'area della psicologia clinica e psicoterapia che lavorano in ambito pubblico e privato. Al fine di perfezionare la formazione degli allievi della la Scuola di Specializzazione, l'Associazione Coinetica ha stipulato convenzioni con strutture e servizi pubblici e privati accreditati.
    L'Istituto, riferendosi agli obiettivi statutari dell'Assciazione Coinetica relativi allo “sviluppo di attività formative a favore di operatori psico-sociali", promuove anche altri percorsi formativi, come il Master in Psicologia dell'educazione, ed altri ancora in fase di programmazione.
    Il sito dell'Istituto è www.idipsi.it. All'interno possono essere recuperate tutte le informazioni necessarie per approfondire i contenuti formativi e richiedere la modulistica per la domanda di iscrizione.
    Per meglio visualizzare gli obiettivi statutari dell'Associazione Coinetica e le azioni promosse, come la costituzione dell'Istituto e della Scuola di Psicoterapia,  o che intende attivare, è possibile consultare il sito www.coinetica.it . 

ORIENTAMENTO TEORICO E STRUTTURA DEL CORSO

Premesse costitutive dell’indirizzo scientifico-culturale della scuola sono rintracciabili nelle teorie della complessità, dell’informazione, dei sistemi viventi, del costruttivismo e del costruzionismo sociale.

A queste premesse epistemologiche ci si riferisce, ma attraverso queste si intende altresì promuovere e divulgare riforme profonde nelle teorie della clinica e delle tecniche psicoterapiche.

Partendo da queste premesse teoriche più ampie vengono declinate  specifiche linee di indirizzo formativo dove spiccano i concetti di  Mente, Etica, Consapevolezza.

I riferimenti teorici e clinici  si legano ad insigni uomini, scienziati, importanti precursori di quelle stesse teorie orientanti le linee didattico-formative della scuola; tra questi, Gregory Bateson, Francisco Varela, Humberto Maturana, Heinz Von Foereter, Paul Watzlawick. In modo particolare il pensiero batesoniano attraverso le interpretazioni di Gianfranco Cecchin, compianto componente del Milan Team, rappresenta la traccia orientante il percorso ermeneutico della Scuola di Psicoterapia Sistemica Integrata.

La stessa associazione culturale di riferimento che si fa promotrice  per l'attivazione della Scuola di Specializzazione Integrata, tramite il nome “Coinetica”, orienta il senso di una connessione (coinè) possibile di significati che ruotano attorno al concetto di “Etica”, così come espressa nel pensiero di F.Varela, ed estesa in diverse cornici epistemologiche a partire da quella sistemica.

Gli elementi teorici che presentano invece aspetti caratterizzanti e di “Integrazione” all’indirizzo sistemico di riferimento, sono contraddistinti dalle sollecitazioni provenienti dalla psicologia della Mindfulness, dalla ricerca nelle Neuroscienze, e dall’evoluzione del concetto di Etica in Psicologia Clinica e Psicoterapia.

L’interesse della didattica quindi si centra sull’acquisizione da parte degli allievi di competenze responsabili e consapevoli in quanto capaci di osservare le diverse modalità e consuetudini nell’organizzare i contenuti della mente; ciò al fine di  favorire lo sviluppo di una meta-etica  della pratica della psicoterapia.

Il Comitato Scientifico della Scuola ed il corpo docenti  è composto da docenti universitari, professionisti dell’area clinica  pubblica e privata, ricercatori, che condividono profondi interessi per lo studio e la ricerca applicata alle teorie sistemiche e della complessità riferite alle scienze umane.

La  formazione in Psicoterapia Sistemica Integrata si realizza attraverso appropriati percorsi di approfondimento  teorici e culturali.  Sono oggetto di studio: la Teoria Generale dei Sistemi e dei Sistemi Autopoietici, le Teorie del Costruttivismo e del Costruzionismo Sociale, le molteplici Teorie della  Mente nei processi sociali e umani; a queste si integrano le Teorie dell’Attaccamento, lo sviluppo di adeguati approfondimenti di concetti come “Etica”, “Consapevolezza e presenza mentale”,  importanti riferimenti che accompagnano la formazione degli allievi.

Le metodologie didattiche attivate sono collegate a queste premesse epistemologiche consentendo coerenti coniugazioni teorico-pratiche nel rapporto docente-allievo.

La scuola di specializzazione si rivolge a medici e psicologi che lavorano in contesti centrati sulla relazione di aiuto o che stanno orientando il loro interesse verso queste esperienze professionali. Ci si riferisce a contesti elettivi deputati allo sviluppo della salute dei cittadini come  i servizi socio-sanitari di area pubblica e privata convenzionata con il Servizio Sanitario Nazionale, includendo in essi un arco di settori della sanità che parte dalla Medicina Generale e che arriva alla Salute Mentale attraversando luoghi ove la sofferenza psichica può manifestarsi in diverse forme fisiche.

Le competenze cliniche psicoterapeutiche apprese dagli allievi nel corso quadriennale di specializzazione potranno essere declinate in modo funzionale alle attese di politiche socio-sanitarie attente ad un welfare orientato a concetti di reciprocità dove il cliente non è un consumatore di servizi ma una persona che matura una  cittadinanza responsabile.

I principi ispiratori fondanti gli orientamenti terapeutici della scuola sono dunque riferimenti che attingono anche dalle teorie più recenti della Psicologia di Comunità, della Sociologia, e dell’Antropologia culturale, ove i paradigmi della “patogenesi” vengono affiancati e superati dalle premesse presenti nelle intuizioni della “salutogenesi”.

La teoria generale dei sistemi che dalla metà del secolo scorso ha caratterizzato un più ampio sviluppo delle scienze cibernetiche, fisiche e biologiche, è riuscita a condizionare attraverso specifiche declinazioni, anche le scienze umane e sociali, contribuendo allo sviluppo di diversi orientamenti nel campo delle applicazioni  cliniche e psicoterapiche. Nei paesi anglo-sassoni dagli anni sessanta, e in Italia dagli anni settanta, nel secolo scorso, il pensiero sistemico ha apportato importanti intuizioni favorenti lo sviluppo di approcci terapeutici maggiormente attenti alla dimensione relazionale di concetti come mente, malattia, cura, e alla natura della comunicazione umana.

Sono numerosi i riferimenti in letteratura che evidenziano l’efficacia dell’approccio sistemico nelle scienze umane. L’approccio integrato alla terapia sistemica è rappresentato dai contributi che ad essa hanno fornito le teorie costruzioniste e costruttiviste, le teorie dell’attaccamento, e i nuovi orientamenti della Psicologia della Mindfulness e degli approcci centrati sull’Etica.

Questo orientamento epistemologico integrato risulta essere estremamente utile nel perseguire adeguati percorsi terapeutici, come la psicoterapia, come indicati nei piani sanitari nazionali.

L’attenzione è quindi riposta nella relazione terapeutica, alla costruzione dei significati riferiti alla malattia mentale e fisica, all’acquisizione di adeguati livelli di consapevolezza dell’interazione tra mente-corpo-contesto, tratti caratterizzanti degli approfondimenti tematici della scuola di specializzazione.

Lo studio della complessità dei sistemi umani  ha suggerito un approccio al problema della conoscenza radicalmente diverso da quello tradizionale, mettendo in evidenza il ruolo dell'osservatore e le sue scelte modellistiche verso una  "costruzione" della realtà. Alla definizione di questa linea di pensiero che intreccia risultati sperimentali e problematiche epistemologiche, hanno dato un contributo decisivo le ricerche di Gregory Bateson, Humberto Maturana, Francisco Varela, Norbert Wiener, Ludwig von Bertalanffy, Jean Piaget, Heinz von Foerster, ed Henri Atlan.

 

Tags: sistemico-relazionale

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità