Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy.

L'elenco online di tutte le Scuole di Psicoterapia italiane

Segui Scuole di Psicoterapia sui Social Network       

Pubblicità

 

A 12 anni i primi disturbi alimentari, lanciato un crowdfunding per prevenirli

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Non solo bulimia e anoressia, binge eating disorder, drunkoressia e ortoressia fra i disagi emergenti. Ne soffrono tre milioni di italiani e sette su dieci sono adolescenti

a 12 anni i primi disturbi alimentariIl problema non è uno soltanto. Sotto la categoria dei disturbi del comportamento alimentare rientrano condizioni tra loro differenti, alcune più diffuse (bulimia e anoressia) e altre emergenti (binge eating disorder, drunkoressia, ortoressia).

Ne soffrono complessivamente oltre tre milioni di italiani: sette su dieci sono adolescenti. E l’età della prima diagnosi è in calo: da 15 a 9 anni.

È questo a destare le maggiori preoccupazioni: maggiormente si riduce l’età di insorgenza di un disturbo del comportamento alimentare, più difficile è intercettarlo in tempi brevi. Da qui la necessità di abbassare la fascia d’età a cui rivolgersi per la prevenzione.

È questo l’obiettivo di «FoodNet» che punta a favorire il riconoscimento degli indicatori legati a problemi con cibo, identità, peso e immagine corporea nei bambini delle scuole elementari.

Il progetto - ideato e sostenuto dall’Associazione per la Ricerca in Psicologia Clinica (A.R.P.) - promuove un modello di prevenzione orientato a crescere bambini, adolescenti e adulti più consapevoli del forte legame esistente tra cibo ed emozioni e all’importanza di cogliere per tempo gli indicatori che tipicamente anticipano l’esordio di un disturbo alimentare.

La «sfida» parte dalle scuole primarie (sul sito del progetto sono visibili gli interventi già realizzati nelle scuole milanesi): si stima che nel nostro Paese siano oltre 300mila i bambini che presentano sintomi di un disturbo legato all’alimentazione.

«In molti casi si tratta di problematiche alimentari transitorie e non rilevanti, caratteristiche destinate a rientrare definitivamente in modo naturale», afferma la psicoterapeuta Deborah Colson, coordinatore del servizio disturbi alimentari dell’A.R.P.

 

Tratto da “La Stampa” - Prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Scuoledipsicoterapia.it?
Iscriviti alla nostra newsletter per essere in continuo contatto con la psicoterapia!
captcha 
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 

 

ISIPSé - Scuola di Specializzazione in Psicologia del Sé e Psicoanalisi Relazi…

Specializzarsi in psicoterapia -  ISIPSé - Scuola di Specializzazione in Psicologia del Sé e Psicoanalisi Relazionale Orientamento: Psicoanalitico / Psicodinamico / RelazionaleSede legale: Via Col Di Lana 28 – 00193 RomaSede didattica:...

leggi tutto...

Scuola Italiana di Analisi Reichiana - Siar

Specializzarsi in Psicoterapia: Scuola Italiana di Analisi Reichiana - Siar Orientamento: Corporeo Analitico ReichianoSede legale: Via Valadier, 44 - 00193 ROMAContatti: Tel. e Fax. 06 3224535Riconoscimento: Riconosciuta dal MIUR con D.M...

leggi tutto...


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

Psiconline.it
News, informazioni, notizie,
consulenza psicologica online gratuita,
servizi per il mondo professionale, articoli e tanto altro.
Dal 1999 la psicologia e gli psicologi in rete!

 

logo psicologi italiani

 

logo psiconline



 

 

Tags: scuole di psicoterapia, adolescenti, disturbi alimentari.

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità

0
Condivisioni