Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy.

L'elenco online di tutte le Scuole di Psicoterapia italiane

Segui Scuole di Psicoterapia sui Social Network       

Pubblicità

 

Alzheimer: una memoria virtuale alleata dei malati in fase iniziale. Chatbot su Facebook

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Al Ministero della Salute si è tenuta la conferenza stampa "Alzheimer, non perdiamolo di vista" organizzata da Italia Longeva per la presentazione del progetto "Chat Yourself", il primo chatbot per i malati prodromici di Alzheimer, cioè quelli in fase iniziale di malattia.

alzheimer una memoria virtuale alleata dei malati in fase inizialeAttraverso l'utilizzo di un chatbot messanger, Chat Yourself aiuta a ricordare chattando con se stessi. Un assistente virtuale capace di memorizzare l'intera vita di un malato, dal nome dei propri figli al percorso per tornare a casa, e di restituirgli queste informazioni vitali in tempo reale, 24 ore su 24.

Ricordi che cominciano a sbiadire, dai nomi dei familiari al posto in cui si vive e al come ci si arriva, confusione con tempi e luoghi, richiesta delle stesse informazioni più volte: questi tra i primi sintomi con cui si manifesta l’Alzheimer, il mostro silenzioso che affligge oltre 600mila italiani e i loro familiari.

Per sconfiggere la malattia ci si affida alla ricerca e a diagnosi precoci sempre più precise, ma la lotta per ridare dignità ai malati e aiutarli a riconquistare la propria quotidianità, oggi passa anche dalla tecnologia e dai social, a partire dai chatbot, “assistenti virtuali” che si avvalgono dell’intelligenza artificiale a supporto delle persone. Ora anche quelle affette da demenze.

Di questi temi si è discusso oggi, al Ministero della Salute, in occasione della conferenza stampa “Alzheimer, non perdiamolo di vista”, organizzata da Italia Longeva, la Rete nazionale di ricerca sull’invecchiamento e la longevità attiva del Ministero della Salute, sostenitore del progetto “Chat Yourself”, il primo chatbot per i malati prodromici di Alzheimer (@chatyourselfitalia).

 

Tratto da “Pharmastar” - Prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Scuoledipsicoterapia.it?
Iscriviti alla nostra newsletter per essere in continuo contatto con la psicoterapia!
captcha 
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 

 

Istituto Italiano WARTEGG

Orientamento: Scuola di Formazione in Psicodiagnostica Sede centrale: via Colossi, 53 A/6  - 00146 ROMAContatti: Tel. 06 56339741Riconoscimento: Indirizzo email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Sito Web: www.wartegg.com

leggi tutto...

Scuola di Psicoterapia Relazionale Integrata (SPRI)

Specializzarsi in psicoterapia -  Scuola di Psicoterapia Relazionale Integrata (SPRI) Orientamento: IntegratoSede legale: Viale San Francesco 16 – 20096 Pioltello (MI)Sede didattica: Centro Psiche e Soma, Viale San Francesco 16 –...

leggi tutto...


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

Psiconline.it
News, informazioni, notizie,
consulenza psicologica online gratuita,
servizi per il mondo professionale, articoli e tanto altro.
Dal 1999 la psicologia e gli psicologi in rete!

 

logo psicologi italiani

 

logo psiconline



 

 

 

Tags: scuole di psicoterapia, Alzheimer, memoria virtuale, chat Youtself

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità

0
Condivisioni