Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy.

L'elenco online di tutte le Scuole di Psicoterapia italiane

Segui Scuole di Psicoterapia sui Social Network       

Pubblicità

 

Bambini che soffrono di dolore cronico

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Attraverso una maggiore conoscenza della neurobiologia del dolore, oggi sappiamo che una varietà di fattori quali predisposizioni genetiche, infiammazioni, esperienze precedenti di dolore, ansia, umore, stress e molti altri fattori possono influenzare l’esperienza di dolore di un bambino.

bambini che soffrono di dolore cronicoSecondo la letteratura il dolore cronico è uno dei problemi pediatrici più comuni ed è spesso correlato all’insorgenza di sintomi ansiosi e depressivi nella popolazione infantile.

Il dolore cronico è spesso una condizione associata al mondo degli adulti quando invece, secondo un recente sondaggio, è uno dei problemi più comuni nella pediatria, e colpisce circa un bambino su quattro.

Nonostante il fatto che oltre 1,7 milioni di bambini negli Stati Uniti soffra di tale condizione, e che il costo del trattamento è di quasi 20 miliardi di dollari l’anno, il dolore cronico rimane spesso invisibile e misconosciuto nel sistema sanitario, soprattutto per quanto riguarda i bambini e gli adolescenti.

Mentre possono esserci diversi meccanismi sottostanti il dolore cronico, il trattamento ad esso associato è spesso simile a quello di altre condizioni.

Attraverso una maggiore conoscenza della neurobiologia del dolore, oggi sappiamo che una varietà di fattori quali predisposizioni genetiche, infiammazioni, esperienze precedenti di dolore, ansia, umore, stress e molti altri fattori possono influenzare l’esperienza di dolore di un bambino.

Il dolore cornico comprende spesso anche un enorme carico psicologico e sociale; i bambini affetti da tale condizione saltano regolarmente la scuola, non sono in grado di partecipare ad alcune attività, hanno rapporti sociali ridotti e una maggiore probabilità di esperire sintomi ansiosi e depressivi rispetto a bambini senza dolore.

Questi aspetti determinano anche alcune conseguenze rispetto alla vita dei genitori, in quanto costretti a rinunciare a giorni lavorativi, nonché un significativo stress emotivo per la cura del figlio che presenta questo dolore continuo.

Molte famiglie possono anche presentare un senso di frustrazione e disperazione perché, nonostante un ampio trattamento medico, iniziano a percepire che niente sembra alleviare la condizione e la “disabilità” del proprio figlio.

Trattare questa complessa costellazione di fattori richiede spesso un approccio multidisciplinare e sono ora riconosciuti trattamenti psicologici, oltre a quello fisico e farmacologico, come centrali nella cura.

Pubblicità

L’inserimento di genitori e bambini in training volti a sviluppare strategie di coping adattive per la gestione del dolore cronico promuove una migliore funzione e riduce il rischio di ansia e depressione.

Gli interventi psicologici possono quindi modificare la traiettoria di recupero di un bambino aumentando la sensazione di comfort, diminuendo lo stress e migliorando la funzione quotidiana; possono anche essere protettivi se applicati precocemente all’esperienza di dolore del bambino.

Gli psicologi lavorano direttamente con genitori e figli per aiutarli nell’individuazione dei trigger o fattori che possono peggiorare il dolore o amplificarne i sintomi, aiutandoli ad attuare strategie che possono ridurre il dolore e lo stress ad esso correlato e, soprattutto, favoriscono nei genitori ed i bambini lo sviluppo di competenze specifiche.

Il tutto prende forma attraverso una pianificazione comportamentale necessaria a favorire il funzionamento ottimale del bambino; questa però a volte può risultare difficile.

A tal proposito, verranno forniti degli importanti suggerimenti che i genitori devono apprendere al fine di sostenere il figlio affetto da dolore cronico.

In prima battuta, molti genitori sono confusi circa la raccomandazione che il bambino dovrebbe andare a scuola o svolgere le normali attività anche quando il dolore persiste.

È invece ben dimostrato che il riposo prolungato può contribuire all’insorgenza di nuovi problemi di dolore e alle sfide psicologiche tra cui una maggiore stanchezza, irritabilità e cambiamenti di umore.

Al contrario, tornare alle routine e alle attività può aiutare a regolare la funzione del sistema nervoso del corpo, ridurre il dolore e migliorare l’umore. Se un bambino è stato a scuola o ha praticato attività per molto tempo, tuttavia, è necessario un piano di transizione lento e ben programmato per le attività.

Secondariamente spesso i genitori sono reticenti nel chiedere ai propri figli, quando si trovano a casa, come si sentono.

I medici professionisti chiedono spesso ai bambini di valutare il loro dolore su una scala da “0 a 10” quasi ad ogni appuntamento.

Chiedere al bambino continuamente come si sente sposta la sua attenzione alla gravità del dolore e questo, secondo recenti ricerche, è correlato ad un aumento della percezione del dolore.

È molto meglio chiedere ai bambini se il dolore cambia durante la giornata; se a questo non segue nessuna risposta, o comunque il bambino in generale non ne parla, è preferibile non chiedere.

I genitori spesso cercano di aiutare, in ogni modo possibile, il proprio figlio quando sente il dolore ma, a volte, fare un passo indietro è una parte importante del processo di recupero.

Quando i genitori trovano dei modi per spostarsi del tutto dal ruolo di aiutante e sollecitano i bambini a fare di più, questi ultimi cominciano a vedere sà stessi come più capaci e questo può determinare un migliore adattamento a lungo termine.

I bambini con dolore cronico e i loro genitori possono trarre grande beneficio dal lavoro con uno psicologo anche quando i fattori psicologici possono non aver contribuito all’insorgenza del dolore.

Detto questo, i genitori dovrebbero notare che i bambini con dolore hanno una maggiore probabilità di sviluppare un disturbo psicologico rispetto alla popolazione pediatrica generale.

In alcuni casi l‘ansia e la depressione possono manifestarsi prima del dolore, mentre in altre situazioni è il dolore e lo stress medico che può determinare l’insorgenza di ansia e depressione. In entrambi i casi, la presenza di un disturbo psicologico è noto che porterà ad una disabilità peggiore.

Fortunatamente, gli interventi psicologici sono essenziali a ridurre il rischio del bambino di sviluppare o esacerbare l’ansia e la depressione.

Quando i genitori sono afflitti, i bambini con dolore tendono ad avere risultati peggiori in generale; fortunatamente, affidarsi ad uno psicologo, può favorire degli atteggiamenti e comportamenti parentali funzionali che, a loro volta, promuovono un adattamento positivo e migliori risultati per i bambini.

Gran parte del lavoro psicologico è quindi focalizzato sull’aiutare i genitori a comprendere la parola complessa e invisibile che si cela dietro il dolore cronico dei bambini.

I genitori rappresentano pertanto la prima linea; attraverso una guida possono essere incredibilmente potenti per aiutare ad alleviare l’esperienza del dolore del proprio bambino e promuovere un comfort a lungo termine e un adattamento positivo.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Scuoledipsicoterapia.it?
Iscriviti alla nostra newsletter per essere in continuo contatto con la psicoterapia!
captcha 
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 

 

SIPRe - Scuola di Specializzazione in Psicoterapia ad indirizzo “Psicoanalisi …

 Specializzarsi in Psicoterapia: SIPRe - Scuola di Specializzazione in psicoterapia ad indirizzo “Psicoanalisi della Relazione” Orientamento: PsicoanaliticoSede legale: Via Appia Nuova, 96 - 00183 ROMAAltre sedi: Via Carlo Botta, 25 - 20135...

leggi tutto...

SPC – Scuola di Psicoterapia Cognitiva

Specializzarsi in Psicoterapia: SPC – Scuola di Psicoterapia Cognitiva Orientamento: Psicoterapia Cognitivo - ComportamentaleSedi: ANCONA Via Piave, 14 – 60125GROSSETO Via G. Lanza, 26 – 58100; NAPOLI Via Antonio Cinque, 93/95 –...

leggi tutto...


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

Psiconline.it
News, informazioni, notizie,
consulenza psicologica online gratuita,
servizi per il mondo professionale, articoli e tanto altro.
Dal 1999 la psicologia e gli psicologi in rete!

 

logo psicologi italiani

 

logo psiconline



 

 

Tags: scuole di psicoterapia, stress, interventi psicologici, giorgia lauro, Dottoressa Giorgia Lauro, dolore cronico, bambini che soffrono di dolore cronico, pianificazione comportamentale, neurobiologia del dolore, ruolo dei genitori, tipologia di dolore

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità

0
Condivisioni