Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy.

L'elenco online di tutte le Scuole di Psicoterapia italiane

Segui Scuole di Psicoterapia sui Social Network       

Pubblicità

 

Essere inconsapevoli della propria inettitudine: l'effetto Dunning-Kruger

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Quando si parla di Effetto Dunning-Kruger, si fa riferimento ad un bias cognitivo, ossia un pregiudizio, in cui le persone credono di essere più intelligenti e più capaci di quello che realmente sono.

essere inconsapevoli della propria inettitudine l effetto dunning krugerMolto sinteticamente, le persone che presentano scarse abilità cognitive non possiedono le risorse mentali necessarie per riconoscere i propri limiti e la propria incompetenza.

La combinazione di una scarsa autocoscienza ed una bassa capacità cognitiva li porta a sovrastimare le proprie capacità.

Il termine richiama quindi una spiegazione ad un problema che molte persone riconoscono immediatamente e che potrebbe esprimersi con il detto “i pazzi sono ciechi rispetto alla loro stessa follia”.

Come scrisse Charles Darwin nel suo libro “The Descent of Man”, “L'ignoranza genera più spesso fiducia che conoscenza”.

L'effetto Dunning-Kruger non è un qualcosa che viene ascritto ad una realtà specifica, perchè è molto più comune di quanto si possa immaginare.

Basti pensare ad un pranzo o una cena e vedere che un membro del tavolo inizi ad argomentare su un qualcosa, proclamando audacemente che ha ragione e che l'opinione di tutti gli altri è banale, frutto di disinformazione e semplicemente sbagliata.

Tutti gli altri possono, da canto loro, constatare quanto questa persona non abbia idea di cosa stia dicendo, notando così quanto sia ignaro della propria ignoranza sul tema.

Il fenomeno prende il nome dai ricercatori David Dunning e Justin Kruger, due psicologi sociali che lo descrissero per primi.

Nel loro studio originale su questo fenomeno psicologico, hanno effettuato una serie di esperimenti, scoprendo che le persone che ottenevano percentili più bassi nei test di logica, grammatica e umorismo tendevano a sovrastimare drammaticamente le loco capacità.

I loro punteggi li collocavano nel 12° percentile, tuttavia stimavano che la loro performance li collocava al 62° percentile.

La ricerca sull'effetto Dunning-Kruger

In un esperimento, ad esempio, Dunning e Kruger hanno chiesto a 65 partecipanti di valutare quanto fossero divertenti battute diverse.

Alcuni dei partecipanti erano scarsi nel determinare ciò che le altre persone trovavano divertenti, eppure questi stessi soggetti si definivano eccellenti giudici dell'umorismo.

Le persone 'incompetenti', hanno osservato i ricercatori, non sono solo persone poco performanti, ma sono anche incapaci di valutare e riconoscere con precisione la qualità del proprio lavoro.

Questi soggetti a basso rendimento non erano inoltre in grado di riconoscere i livelli di abilità e competenza di altre persone, il che è parte del motivo per cui si considerano coerentemente migliori, più capaci e più informati di altri.

Questo è il motivo per cui gli studenti che ottengono punteggi insufficienti agli esami a volte sentono di meritare un punteggio molto più alto.

Sopravvalutano la propria conoscenza e abilità e sono incapaci di vedere la povertà delle loro prestazioni.

In molti casi, l'incompetenza non lascia le persone disorientate, perplesse o caute”, ha dichiarato David Dunning.

Invece”, prosegue, “gli incompetenti sono spesso abbagliati da una fiducia inappropriata, sostenuta dalla convinzione di essere portatori di conoscenza”.

Questo effetto produce un profondo impatto su ciò che le persone credono, le decisioni che prendono e le azioni che intraprendono.

In un altro studio, i due autori hanno scoperto che le donne si comportavano in modo uguale agli uomini in un quiz scientifico, eppure le donne sottovalutavano le loro prestazioni perchè ritenevano di avere meno capacità di ragionamento scientifico rispetto agli uomini.

I ricercatori hanno anche scoperto che, come risultato di questa convinzione, queste donne avevano maggiori probabilità di rifiutarsi di entrare in una competizione scientifica.

Dunning, insieme ai suoi colleghi, hanno anche eseguito esperimenti in cui chiedevano agli intervistati se avessero familiarità con una varietà di termini relativi a materie quali politica, biologia, fisica e geografia. Insieme a questi concetti, hanno inserito termini completamente inventati.

Pubblicità

In uno di questi studi, circa il 90% degli intervistati ha affermato di avere una certa conoscenza dei termini inventati.

Coerentemente con altri risultati relativi all'effetto Dunning-Kruger, i partecipanti che hanno affermato di avere maggiori conoscenze sugli argomenti comuni, avevano maggiori probabilità di affermare di avere familiarità con i termini privi di significato.

Le cause dell'effetto Dunning-Kruger

Secondo i ricercatori questo effetto psicologico viene a prodursi a partire da ciò che definiscono un “doppio carico”.

Le persone non solo sono incompetenti, ma la loro incompetenza li priva della capacità mentale di rendersi conto di quanto siano inetti.

In questo senso, l'incompetenza produce una sopravvalutazione dei propri livelli di abilità; un fallimento nel riconoscere le abilità e le competenze di altre persone; un fallimento nel riconoscere i propri errori e la mancanza di abilità.

Dunning ha sottolineato che la stessa conoscenza e le abilità necessarie per essere bravi in un compito sono esattamente le stesse qualità di cui una persona ha bisogno per riconoscere che non è all'altezza di quel compito.

Quindi, se una persona manca di quelle capacità, rimane non solo incapace in quel compito, ma ignora la propria incapacità.

Dunning ha inoltre suggerito che i deficit di abilità e competenza creano un duplice problema. Innanzitutto, questi deficit fanno sì che le persone si comportino male nel dominio in cui sono incompetenti.

In secondo luogo, la loro conoscenza errata e carente li rende incapaci di riconoscere i propri errori.

L'effetto Dunning-Kruger è anche legato alle difficoltà con la metacognizione, o alla capacità di fare un passo indietro e guardare il proprio comportamento e le proprie abilità.

Le persone sono spesso in grado di valutare se stesse solo dal loro punto di vista, limitato e altamente soggettivo. Da questa prospettiva sembrano altamente qualificati, competenti e superiori agli altri.

Per questo motivo, le persone a volte lottano per avere una visione più realistica delle proprie capacità.

Un altro fattore contribuente all'effetto Dunning-Kruger è che a volte un minimo di conoscenza su un argomento può indurre le persone a credere erroneamente di sapere tutto ciò che c'è da sapere su di esso.

Come dice un vecchio proverbio, “un po' di conoscenza può essere una cosa pericolosa”. Una persona potrebbe avere una sottilissima conoscenza relativamente a qualcosa, ma grazie all'effetto Dunning-Kruger, crede di essere un esperto.

Altri fattori che possono contribuire all'effetto includono l'uso dell'euristica, o scorciatoie mentali che consentono di prendere decisioni rapidamente, e la tendenza a cercare schemi laddove non esistano.

Le nostre menti sono preparate a cercare di dare un senso alla serie disparata di informazioni che trattiamo quotidianamente.

Mentre si tenta di ridurre la confusione e interpretare le nostre capacità e le nostre prestazioni all'interno dei nostri mondi individuali, non sorprende che a volte non riusciamo ad emettere un giudizio preciso.

Chi è colpito dall'effetto Dunning-Kruger? Sfortunatamente, tutti.

Questo perchè non importa quanto si possa essere informati o esperti di qualcosa, tutti hanno aree in cui sono disinformati e incompetenti.

Un aspetto importante da sottolineare è che l'effetto Dunning-Kruger non è sinonimo di basso Quoziente Intellettivo (QI). Poiché la consapevolezza del termine è aumentata negli ultimi anni, anche l'errata applicazione del termine come sinonimo di stupidità è cresciuta.

Dopo tutto, è facile giudicare gli altri e credere che cose del genere non si applicano anche a noi stessi. La realtà è che tutti sono sensibili al fenomeno e, di fatto, molti probabilmente lo sperimentiamo con sorprendente regolarità.

Le persone che sono esperte in un settore possono erroneamente ritenere che la loro intelligenza e conoscenza si trasferiscano in altre aree in cui sono meno preparati.

Uno scienziato brillante, ad esempio, potrebbe essere un pessimo scrittore. Affinchè lo scienziato riconosca la propria mancanza di abilità, è necessario possedere una buona conoscenza pratica di grammatica e composizione.

Poiché carente in questi ambiti, lo scienziato manca anche della capacità di riconoscere le proprie scarse prestazioni.

Pertanto, se gli incompetenti tendono a pensare di essere degli esperti, cosa pensano gli esperti delle proprie capacità?

Dunning e Kruger hanno scoperto che coloro che si trovavano nella fascia più alta dello spettro delle competenze possedevano una visione più realistica delle proprie conoscenze e capacità.

Tuttavia, questi esperti tendevano a sottovalutare le proprie capacità rispetto ad altri. Il problema in questo caso non è che gli esperti non riconoscono il loro potenziale, ma tendono a credere che anche tutti gli altri siano ben informati.

Quindi c'è qualcosa che può minimizzare questo fenomeno? C'è un punto in cui l'incompetente effettivamente riconosce la propria inettitudine?

Dunning e Kruger suggeriscono che man mano che aumenta l'esperienza con un soggetto, la fiducia in genere diminuisce a livelli più realistici. Man mano che le persone apprendono di più sull'argomento di interesse, iniziano a riconoscere la propria mancanza di conoscenza e abilità.

Successivamente, man mano che acquisiscono maggiori informazioni e diventano effettivamente esperti su un argomento, i loro livelli di fiducia cominciano a migliorare ancora una volta.

Volendo concludere, l'effetto Dunning-Kruger è uno dei tanti pregiudizi cognitivi che possono influenzare i comportamenti e le decisioni, da quelli banali a quelli che cambiano la vita.

Mentre può essere più facile riconoscere il fenomeno negli altri, è importante ricordare che è un qualcosa che sperimentiamo tutti.

Comprendendo le cause sottostanti che contribuiscono a questo pregiudizio psicologico, si potrebbe essere più in grado di individuare queste tendenze in sè stessi e trovare i modi per superarle.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

Bibliografia

Dunning, D. Chapter five: The Dunning-Kruger effect: On being ignorant of one's own ignorance. Advances in Experimental Social Psychology. 2011;44;247-296.

Ehrliner, J, Johnson, K, Banner, M, Dunning, D, & Kruger, J. Why the unskilled are unaware: Further explorations of (absent) self-insight among the incompetent. Organ Behav Hum Decis Process. 2008;105(1):98-121.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Scuoledipsicoterapia.it?
Iscriviti alla nostra newsletter per essere in continuo contatto con la psicoterapia!
captcha 
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 

 

SIPRe - Scuola di Specializzazione in Psicoterapia ad indirizzo “Psicoanalisi …

 Specializzarsi in Psicoterapia: SIPRe - Scuola di Specializzazione in psicoterapia ad indirizzo “Psicoanalisi della Relazione” Orientamento: PsicoanaliticoSede legale: Via Appia Nuova, 96 - 00183 ROMAAltre sedi: Via Carlo Botta, 25 -...

leggi tutto...

CeRP - Scuola di Specializzazione in Psicoterapia ad Indirizzo Psicoanalitico

 Specializzarsi in Psicoterapia: Scuola di Specializzazione in Psicoterapia ad Indirizzo Psicoanalitico Orientamento: Psicoanalitico e psicodinamicoSede legale: Via L. Marchetti, 9 – 38100 TRENTOSede didattica: Via L. Marchetti, 9 – 38100 TRENTOContatti:...

leggi tutto...


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

Psiconline.it
News, informazioni, notizie,
consulenza psicologica online gratuita,
servizi per il mondo professionale, articoli e tanto altro.
Dal 1999 la psicologia e gli psicologi in rete!

 

logo psicologi italiani

 

logo psiconline



 

 

Tags: scuole di psicoterapia, giorgia lauro, Dottoressa Giorgia Lauro, essere inconsapevoli della propria inettitudine, l'effetto Dunning-Kruger, bias cognitivo, pregiudizio psicologico, credersi più intelligente, scarsa consapevolezza delle proprie abilità, la ricerca sull'effetto Dunning-Kruger, le cause dell'effetto Dunning-Kruger, David Dunning, Justin Kruger, sovrastimare le proprie capacità

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità

0
Condivisioni