Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy.

L'elenco online di tutte le Scuole di Psicoterapia italiane

Segui Scuole di Psicoterapia sui Social Network       

Pubblicità

 

Il “cervello depresso”: quali cambiamenti genera la psicoterapia?

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Una nuova ricerca pubblicata nella rivista “Psychiatry Research: Neuroimaging” ha evidenziato come la psicoterapia cognitiva-comportamentale e la psicoterapia psicodinamica apportano cambiamenti cerebrali chiave nelle aree di elaborazione emotiva.

il cervello depresso quali cambiamenti genera la psicoterapiaNegli ultimi anni, le neuroscienze hanno cercato di indagare e delineare i correlati neurali dei cambiamenti generati dalla psicoterapia.

Una comprensione di questo tipo non solo aiuta a comprendere i processi precisi di come agisce la psicoterapia, aiutando così a concentrarci su tali aspetti, ma anche a mostrare dove gli interventi farmacologici potrebbero essere complementari e dove potrebbero invece ostacolare direttamente il lavoro terapeutico.

Una nuova ricerca pubblicata nella rivista Psychiatry Research: Neuroimaging, ha delineato tutto ciò che si conosce finora su come la psicoterapia cambia il cervello depresso, suggerendo cambiamenti chiave nelle aree di elaborazione emotiva.

Un gruppo internazionale, guidato da Cynthia Fu dell'Istituto di Psichiatria, Psicologia e Neuroscienze della Univerity of East London, ha condotto una revisione della letteratura sull'imaging cerebrale cercando in particolare gli studi che hanno scoperto i cambiamenti cerebrali associato al recupero dalla depressione in seguito a varie forme di psicoterapia, compresa la psicoterapia cognitiva-comportamentale (CBT) e la psicoterapia psicodinamica.

I 17 documenti che hanno raccolto hanno suggerito alcuni modelli coerenti, come la diminuzione dell'attività nell'amigdala dopo la terapia quando si osservavano sia stimoli emotivi che più neutri, ma vi erano risultati occasionali che erano più difficili da inquadrare: per esempio uno studio mostrava maggiore attivazione nelle aree ippocampali mentre un altro studio ha trovato meno attivazione nella stessa regione.

Tratto da “Psicologi Italiani” - Prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Scuoledipsicoterapia.it?
Iscriviti alla nostra newsletter per essere in continuo contatto con la psicoterapia!
captcha 
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 

 

Scuola di Specializzazione In Psicoterapia Dinamica Breve - Iaf Pescara

Specializzarsi in Psicoterapia: Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Dinamica Breve - IAF Pescara Orientamento: Psicodinamico BreveSede legale: Via Michelangelo, 14 - 65124 PescaraSede didattica: Via Teramo,65 - PescaraContatti: Tel 085.299123; Ce. 335.8136999 Direttore:...

leggi tutto...

SIPRe - Scuola di Specializzazione in Psicoterapia ad indirizzo “Psicoanalisi …

 Specializzarsi in Psicoterapia: SIPRe - Scuola di Specializzazione in psicoterapia ad indirizzo “Psicoanalisi della Relazione” Orientamento: PsicoanaliticoSede legale: Via Appia Nuova, 96 - 00183 ROMAAltre sedi: Via Carlo Botta, 25 - 20135...

leggi tutto...


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

Psiconline.it
News, informazioni, notizie,
consulenza psicologica online gratuita,
servizi per il mondo professionale, articoli e tanto altro.
Dal 1999 la psicologia e gli psicologi in rete!

 

logo psicologi italiani

 

logo psiconline



 

 

Tags: scuole di psicoterapia, cervello depresso, quali cambiamenti genera la psicoterapia

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità

0
Condivisioni