Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy.

L'elenco online di tutte le Scuole di Psicoterapia italiane

Segui Scuole di Psicoterapia sui Social Network       

Pubblicità

 

Il paradosso della salute mentale: aumenta il disagio ma gli investimenti sono al palo

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Problemi di salute mentale rappresentano una sfida ineludibile che il sistema nazionale di sanità pubblica è chiamato ad affrontare.

paradosso salute mentalePertanto, una stima affidabile del fabbisogno di salute mentale e le proiezioni della domanda attesa, costituiscono un elemento chiave per riuscire a calibrare e organizzare servizi efficaci e interventi economicamente sostenibili.

Questo aspetto risulta particolarmente rilevante quando si tratta di sviluppare modelli operativi per prevenire, intercettare e trattare disturbi psichiatrici comuni (Dpc; in particolare disturbi depressivi e disturbi d’ansia), ovvero quelli più diffusi nella popolazione generale, che colpiscono le persone sul piano personale, relazionale e lavorativo.

Purtroppo, come abbiamo più volte rilevato anche da queste colonne, il tema è largamente sottovalutato nel nostro Paese.

Allo scopo di stimare la prevalenza dei Dpc in Italia abbiamo analizzato i dati Istat raccolti nel corso di due principali indagini di popolazione. Sono stati considerati sia le informazioni derivanti dall’applicazione di un questionario di screening, sia quelle relative alla presenza di disturbi psichiatrici clinicamente diagnosticati.

La prima analisi è stata condotta sui dati ricavati dall’indagine Istat “Condizioni di salute e ricorso ai Servizi sanitari” del 2013, realizzata su un campione ampiamente rappresentativo di 72.476 individui di età compresa tra i 18 e i 64 anni.

La popolazione a rischio di presentare un Dpc è stata valutata mediante l’indice di stato psicologico “Mental health component summary” (Mcs-12), derivato dal questionario SF-12. Il punteggio a questo indice (compreso tra 0 e 100: valori più bassi corrispondono a peggiori condizioni psicologiche) fornisce informazioni sui sintomi depressivi e ansiosi riscontrati nelle ultime 4 settimane.

Secondo gli standard riportati in letteratura scientifica, le persone che presentano un punteggio minore o uguale a 40 hanno un’elevata probabilità di presentare un disturbo ansioso e/o depressivo.

 

Tratto da “Il Sole 24 Ore” - Prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Scuoledipsicoterapia.it?
Iscriviti alla nostra newsletter per essere in continuo contatto con la psicoterapia!
captcha 
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 

 

APC - Associazione di Psicologia Cognitiva

Specializzarsi in Psicoterapia: APC - Associazione di Psicologia Cognitiva Orientamento: Psicoterapia Cognitivo - ComportamentaleSedi: ROMA Viale Castro Pretorio, 116 - 00185LECCE Via Bonaventura Mazzarella, 25 - 73100; VERONA Vicolo Ghiaia, 7...

leggi tutto...

Scuola di Formazione di Psicoterapia ad indirizzo Dinamico

 Specializzarsi in Psicoterapia: Scuola di Formazione di Psicoterapia ad Indirizzo Dinamico Orientamento: Psicoanalitico - PsicodinamicoSede centrale: Via G.R. Curbastro, 29/B - 00149 ROMASedi periferiche: Piazzale Cesare Battisti, 10 - 47921 Rimini Via...

leggi tutto...


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

Psiconline.it
News, informazioni, notizie,
consulenza psicologica online gratuita,
servizi per il mondo professionale, articoli e tanto altro.
Dal 1999 la psicologia e gli psicologi in rete!

 

logo psicologi italiani

 

logo psiconline



 

 

Tags: scuole di psicoterapia, salute mentale, psicopatologia, aumento del disagio, prevenzione

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità

0
Condivisioni