Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy.

L'elenco online di tutte le Scuole di Psicoterapia italiane

Segui Scuole di Psicoterapia sui Social Network       

Pubblicità

 

La Psicologia del Sè

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La psicologia del Sè, una derivazione della teoria psicoanalitica di Sigmund Freud, forma gran parte del fondamento della psicoanalisi contemporanea come il primo grande movimento psicoanalitico che riconosce l'empatia come un aspetto essenziale del processo terapeutico di affrontare lo sviluppo e la crescita umana.

la psicologia del sèLa teoria della psicologia del Sè, che rifiuta l'ideologia freudiana del ruolo che le pulsioni sessuali giocano nell'organizzazione della psiche, si concentra sullo sviluppo dell'empatia verso la persona in cura e sull'esplorazione di componenti fondamentali di sviluppo e crescita sani.

Gli psicoterapeuti possono utilizzare la teoria del Sè per aiutare le persone a considerare come le loro prime esperienze possano contribuire alla formazione del loro senso del Sè.

Storia e sviluppo

Heinz Kohut, uno psicoanalista che iniziato la sua carriera seguendo gli insegnamenti di Freud, ha introdotto la psicologia del Sè negli anni '70 con l'opera “The Analysis of the Self”.

La progressione del suo lavoro con persone che cercavano un trattamento lo portò a diventare sempre più insoddisfatto di alcuni dei limiti dell'approccio di Freud.

Nello specifico, sottolineò la mancanza di efficacia dell'approccio nell'affrontare quella che all'epoca era considerata una personalità narcisista.

Kohut iniziò ad esplorare l'idea dell'amore di Sè, considerando se fosse davvero immaturo e dannoso per le relazioni, come postulato dalla teoria di Freud dello sviluppo psicosessuale.

Alla fine, Kohut suggerì che un certo grado di narcisismo potesse effettivamente essere salutare e benefico per le relazioni di una persona con gli altri.

Pertanto, Kohut non era d'accordo con Freud sulla fonte del narcisismo. Egli credeva che derivasse da una mancanza di empatia dei genitori, piuttosto che da impulsi conflittuali, come suggeriva Freud.

Kohut credeva che quando i genitori non riuscivano a fornire risposte empatiche, un bambino non avrebbe sviluppato un sano senso di autostima e avrebbe quindi cercato altre fonti per ottenere un senso di valore.

L'empatia in generale divenne una parte importante del lavoro di Kohut, poiché arrivò a sentire che un'aderenza troppo rigida alle idee di Freud spesso incoraggiava gli analisti ad imporre le proprie convinzioni sulla persona che stavano trattando.

La psicologia del Sè attribuisce invece un valore elevato all'empatia o alla capacità dello psicoterapeuta di comprendere l'esperienza dal punto di vista della persona in trattamento.

Concetti principali della Psicologia del Sè

In questo filone specifico della psicologia, il sé è inteso come il centro dell'universo psicologico di un individuo.

Se l'ambiente di sviluppo di un bambino è appropriato, in genere si svilupperà un sano senso di sé, ed in generale l'individuo sarà in grado di mantenere modelli/esperienze coerenti e di autoregolarsi e auto-calmarsi per tutta la vita.

Pubblicità

Quando gli individui non sono in grado di sviluppare un sano senso di sé, possono tendere a fare affidamento sugli altri per soddisfare i propri bisogni.

Questi 'altri' prendono il nome di oggetti-sè, perchè sono al di fuori del sé.

Gli oggetti-sè sono una parte normale del processo di sviluppo, secondo Kohut. I bambini hanno bisogno di oggetti-sè perchè non sono in grado di soddisfare tutti i loro bisogni, ma nel corso di uno sviluppo sano, gli oggetti stessi vengono interiorizzati mentre gli individui sviluppano la capacità di soddisfare i propri bisogni senza fare affidamento su altri esterni.

Il ruolo del transfert è anche importante nella psicologia del Sè. Nella psicoanalisi, il transfert è inteso come il processo in cui una persona in cura reindirizza sentimenti e desideri dall'infanzia ad un nuovo oggetto – di solito l'analista.

Kohut ha formulato tre tipi specifici di transfert che riflettono bisogni di oggetti-sè non soddisfatti:

Il rispecchiamento: in questo tipo di transfert, gli altri servono come uno specchio che riflette un senso di valore e autostima. Proprio come le persone usano uno specchio per controllare l'apparenza, il rispecchiamento del transfert implica l'uso delle risposte affermative e positive degli altri per vedere i tratti positivi all'interno del sé.

Idealizzazione: Kohut ritiene che le persone abbiano bisogno di persone che le facciano sentire calme e a proprio agio. Un esempio di questo può essere visto nei bambini che corrono da un genitore per il comfort dopo essere caduti e feriti.

L'altro esterno è idealizzato come qualcuno che è calmo e tranquillizzante.

Transfert gemellare o Alter Ego: Kohut ha suggerito che le persone hanno bisogno di provare un senso di somiglianza con gli altri. Ad esempio, i bambini vogliono essere simili ai loro genitori ed imitare i comportamenti che osservano. Nel corso di uno sviluppo sano, un bambino diventa più capace di tollerare le differenze.

Il ruolo del narcisismo sano

Il narcisismo è una parte normale dello sviluppo infantile, secondo la teoria del Sè. I bambini possono spesso fantasticare di avere superpoteri e/o vedere i loro genitori onnipotenti.

Kohut riteneva che tali esperienze infantili dovessero essere incoraggiate nel tempo, i bambini generalmente iniziano a riconoscere che le loro percezioni inflazionate di sé e dei loro genitori sono irrealistiche.

I bambini che crescono in un ambiente di supporto sono in genere in grado di sopportare la frustrazione e la delusione e sviluppare un sano grado di narcisismo, portando ad un senso di sé sicuro e resiliente.

L'empatia parentale insufficiente può contribuire allo sviluppo di una personalità narcisistica, secondo Kohut.

L'empatia può essere insufficiente quando un genitore non può reagire o nutrire adeguatamente un bambino, non è in grado di soddisfare i bisogni di oggetti-sè di un bambino, o se le disposizioni del genitore e del bambino non si allineano facilmente.

Alcuni o tutti questi aspetti possono influenzare la capacità del bambino di soddisfare i propri bisogni più avanti nella vita.

Contributi della psicologia del Sè

La psicologia del Sé ha aiutato a fornire una comprensione più chiara e completa del narcisismo, consentendole di essere vista come una parte naturale dello sviluppo.

Mentre una personalità narcisistica può essere una seria preoccupazione, le caratteristiche narcisistiche della personalità non sono necessariamente dannose.

Con il suo approccio, Kohut ha anche ampliato la comprensione dell'empatia, in quanto si riferisce all'assistenza sanitaria mentale.

La psicologia del Sè mette in luce l'importanza dell'empatia nel contesto della relazione terapeutica come strumento per comprendere e spiegare ciò che è stato osservato, piuttosto che un'azione o un'azione specifica, e la considera come una componente essenziale del processo di cura e guarigione.

Quando un terapeuta è in grado di dimostrare questa capacità di vedere e di comprendere le preoccupazioni di una persona attraverso il loro punto di vista - ciò che Kohut chiama osservazione vicina all'esperienza - il trattamento può andare avanti più prontamente.

Limiti

I critici della psicologia del Sè sostengono che la teoria non sia altro che una terapia di supporto e affermano che è improbabile che crei un cambiamento duraturo per le persone in terapia.

È stato anche suggerito che la psicologia del sé, mentre cerca di spiegare meglio il narcisismo, non può essere applicata a tutte le persone che hanno una personalità narcisistica.

Altri critici hanno affermato che la teoria è incompleta e non affronta adeguatamente tutti i fattori della psiche, come le pulsioni e l'inconscio, che possono avere un impatto sullo sviluppo ed il benessere di una persona.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Scuoledipsicoterapia.it?
Iscriviti alla nostra newsletter per essere in continuo contatto con la psicoterapia!
captcha 
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 

 

Istituto Italiano WARTEGG

Orientamento: Scuola di Formazione in Psicodiagnostica Sede centrale: via Colossi, 53 A/6  - 00146 ROMAContatti: Tel. 06 56339741Riconoscimento: Indirizzo email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Sito Web: www.wartegg.com

leggi tutto...

Integral Transpersonal Institute - Scuola di Formazione in Psicoterapia Transp…

Specializzarsi in Psicoterapia: Integral Transpersonal Institute - Scuola di Formazione in Psicoterapia Transpersonale Orientamento: Psicoterapia TranspersonaleSede legale: Via Villapizzone, 26 - 20156 MILANOContatti: Tel: 02 8393306; Fax: 0299980130Riconoscimento: Riconosciuto dal MIUR...

leggi tutto...


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

Psiconline.it
News, informazioni, notizie,
consulenza psicologica online gratuita,
servizi per il mondo professionale, articoli e tanto altro.
Dal 1999 la psicologia e gli psicologi in rete!

 

logo psicologi italiani

 

logo psiconline



 

 

 

 

Tags: scuole di psicoterapia, Sigmund Freud, empatia, psicologia del Sè, Heinz Kohut, teoria psicoanalitica, oggetti-sè, narcisismo sano, storia e sviluppo

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità

0
Condivisioni