Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy.

L'elenco online di tutte le Scuole di Psicoterapia italiane

Segui Scuole di Psicoterapia sui Social Network       

Pubblicità

 

La psicoterapia sensomotoria: dal trauma al sintomo somatico

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La psicoterapia sensomotoria unisce la teoria e la tecnica alla terapia cognitiva e dinamica per intervenire sui movimenti e promuovere in modo diretto una maggiore consapevolezza somatica.. a loro volta questi favoriscono l'empowerment e la competenza.”, Daniel Segal

la psicoterapia sensomotoriaNegli anni '70, Pat Ogden iniziò a prestare attenzione alla connessione tra le dissociazioni dei suoi clienti dai loro corpi e le loro preoccupazioni psicologiche.

Attraverso la psicoterapia sensomotoria, un cliente è in grado di esaminare in che modo le esperienza traumatiche del passato stanno influenzando la sua componente somatica.

Questa forma di trattamento del trauma riguarda i sintomi fisici, specialmente quelli di natura dissociativa come l'anestesia corporea o le inibizioni motorie, che possono causare difficoltà nella regolazione delle emozioni, nelle cognizioni e nel funzionamento quotidiano.

Quando le parole non sono sufficienti per aiutare un cliente a guarire, un approccio somatico al trattamento del trauma può essere efficace.

La psicoterapia tradizionale si concentra sugli aspetti cognitivi o emotivi dell'individuo, ma tale approccio è limitato.

La psicoterapia sensomotoria unisce tecniche cognitive, dinamiche e somatiche. Questo è importante nel trattamento in quanto il trauma stesso può avere un effetto schiacciante sul corpo e può manifestarsi come sintomi somatici.

Vedremo ora di chiarire meglio cosa si intende quando si parla di psicoterapia sensomotoria.

La psicoterapia sensomotoria è una terapia del linguaggio che ha come focus il corpo e l'organismo, che integra i risultati attuali delle neuroscienze per trasformare le memorie traumatiche in punti di forza e risorse per il cliente.

Funziona in situazioni in cui è presente un trauma dello sviluppo, come la mancanza materna di sintonizzazione, così come traumi acuti o gravi come abuso sessuale, violenza o abuso psicologico.

Gli psicoterapeuti sensomotori lavorano sulla consapevolezza e sulla collaborazione con il cliente durante il processo terapeutico.

Le sessioni terapeutiche variano ampiamente; esse dipendono dai bisogni del cliente e dalla capacità di elaborare il processo traumatico, nonché dal livello esperienziale o abilità del terapeuta.

Se un cliente vuole parlare di un incidente traumatico, ad esempio ricordando un brutto episodio tra i suoi fratelli, lo psicoterapeuta chiede a cliente di richiamare il maggior numero di ricordi fino a pochi istanti prima dell'incidente.

Il terapeuta quindi aiuterebbe il cliente a entrare in uno stato di consapevolezza chiedendo loro di notare alcune cose: se sono turbati, cosa c'è nel loro corpo che dice loro di essere turbati? È un irrigidimento nello stomaco? O una sensazione nel petto?

A questo punto, lo psicoterapeuta chiede al cliente di concentrarsi su quelle sensazioni, e osservando i gesti e le posizioni del cliente, scoprire quale movimento il cliente avrebbe voluto fare, ma non poteva.

Lo psicoterapeuta trova così un modo, durante la sessione, che aiuti il cliente a completare il movimento che è stato troncato, favorendo così un'esperienza di 'trionfo', che possono assaporare e integrare nel loro sistema nervoso.

Lo psicoterapeuta potrebbe quindi completare il processo parlando al sé più giovane del cliente, dicendo qualcosa come: “guarda il tuo io più giovane con gli occhi della mente, dirò alcune parole e voglio che tu solo possa notare come il tuo bambino più giovane risponde”.

Il terapeuta inizia a parlare lentamente, dicendo, ad esempio: “non so perchè tuo fratello e tua sorella stessero litigando, ma so che tutti i bambini piccoli meritano di sentirsi al sicuro e protetti nella loro casa”.

Non vi è una categoria specifica di pazienti a cui questa forma di psicoterapia si rivolge, perchè chiunque abbia difficoltà nella propria vita, come ansia, depressione, problemi di rabbia, incapacità a sostenere relazioni significative, potrebbe beneficiarne.

I clienti che abusano di alcool e droghe potrebbero trarne beneficio in parallelo ad un trattamento specifico per la dipendenza.

Pubblicità

L'obiettivo della psicoterapia sensomotoria è quello di aiutare i clienti a sviluppare risorse interne in modo da riuscire a regolare l'affetto, o di abbandonare le modalità di risposta lotta/fuga/congelamento, con l'obiettivo ultimo di generare una modalità di funzionamento più elevata dove possono pensare in modo chiaro e sentirsi appropriati.

I clienti possono diventare meno reattivi e più proattivi nei rapporti, nel lavoro e nelle famiglie.

Un'esperienza traumatica può danneggiare i processi impliciti come la regolazione delle emozioni, la capacità di interagire con gli altri e i meccanismi di difesa contro le minacce.

Dopo aver vissuto un evento traumatico, la relazione di un individuo con il proprio corpo può essere influenzata.

Ad esempio, il sistema nervoso potrebbe non regolare efficacemente le emozioni, causando sensazioni di vulnerabilità, come spavento o sopraffazione.

Ci sono tre fasi nella psicoterapia sensomotoria: la stabilizzazione e la riduzione dei sintomi; lavorare sulla memoria traumatica; la reintegrazione.

La tecnica di “lettura del corpo” nella prima fase consente al terapeuta di valutare le abilità somatiche stabili come la messa a terra delle gambe o la respirazione completa.

Il terapeuta prende nota di eventuali abilità assenti, che poi verranno insegnate al cliente. Questo tipo intervento viene nuovamente utilizzato nella seconda fase per valutare le risposte difensive del corpo che non sono state eseguite al momento del trauma.

Il terapeuta aiuta il cliente a completare queste risposte difensive attraverso la promozione di una maggiore consapevolezza del suo corpo. Quando le nuove reazioni all'evento traumatico sono completate, queste risposte in precedenza impotenti suscitano sentimenti di 'trionfo'.

Nell'ultima fase, di re-integrazione, la lettura del corpo valuta tutti quegli aspetti che, secondo il cliente, interferiscono con il funzionamento quotidiano.

Nell'opera “Trauma and the Body”, di Pat Ogden, viene fornito un esempio in cui la distorsione cognitiva di un cliente “io sono senza valore, devo nascondermi” si riflette nella tensione corporea delle spalle e delle curva spinale.

La psicoterapia sensomotoria si basa su metodi tradizionali, consentendo allo psicoterapeuta di incorporare gli interventi somatici nell'orientamento terapeutico principale.

Può quindi essere integrato con un modello di trattamento terapeutico cognitivo/emotivo al fine di aumentare l'efficacia nel far fronte alle esperienze traumatiche.

Un modello integrativo può essere significativo nel focalizzarsi sui sintomi di un cliente attraverso le cognizioni, le emozioni e la comunicazione corporale sottostante che senza il bisogno di dover ricorrere necessariamente alle parole.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

Bibliografia

  • Fisher, J., Ogden, P., & Pain, C. (2006). A sensorimotor approach to the treatment of trauma and dissociation. Psychiatric Clinics of North America, 29(1), 263-279.
  • Sensorimotor Psychotherapy Institute. (n.d.). History of sensorimotor psychotherapy.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Scuoledipsicoterapia.it?
Iscriviti alla nostra newsletter per essere in continuo contatto con la psicoterapia!
captcha 
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 

 

Integral Transpersonal Institute - Scuola di Formazione in Psicoterapia Transp…

Specializzarsi in Psicoterapia: Integral Transpersonal Institute - Scuola di Formazione in Psicoterapia Transpersonale Orientamento: Psicoterapia TranspersonaleSede legale: Via Villapizzone, 26 - 20156 MILANOContatti: Tel: 02 8393306; Fax: 0299980130Riconoscimento: Riconosciuto dal MIUR...

leggi tutto...

SPC – Scuola di Psicoterapia Cognitiva

Specializzarsi in Psicoterapia: SPC – Scuola di Psicoterapia Cognitiva Orientamento: Psicoterapia Cognitivo - ComportamentaleSedi: ANCONA Via Piave, 14 – 60125GROSSETO Via G. Lanza, 26 – 58100; NAPOLI Via Antonio Cinque, 93/95 –...

leggi tutto...


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

Psiconline.it
News, informazioni, notizie,
consulenza psicologica online gratuita,
servizi per il mondo professionale, articoli e tanto altro.
Dal 1999 la psicologia e gli psicologi in rete!

 

logo psicologi italiani

 

logo psiconline



 

 

Tags: scuole di psicoterapia, corporeo, giorgia lauro, Dottoressa Giorgia Lauro, la psicoterapia sensomotoria, dal trauma al sintomo somatico, Pat Odgen , esperienze traumatiche e componente somatica, trattamento del trauma, approccio somatico al trauma, tecniche cognitive, tecniche dinamiche, empowerment, tecniche somatiche

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità

0
Condivisioni