Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy.

L'elenco online di tutte le Scuole di Psicoterapia italiane

Segui Scuole di Psicoterapia sui Social Network       

Scuole di psicoterapia

specializzarsi in Psicoterapia

Chi Siamo - Scuole di Psicoterapia

SCUOLE DI PSICOTERAPIA - Il luogo d'incontro della domanda e dell'offerta di formazione in psicologia Questo sito è dedicato alle scuole di psicoterapia, agli Istituti di Formazione in psicologia e a tutti gli Psicologi che sono interessati ad accrescere e migliorare la loro formazione post-universitaria. Il nostro obiettivo è quello di essere un polo di informazione ed una guida per tutti coloro che cercano di orientarsi nella scelta tra le tante opportunità ed offerte in materia di formazione professionale, sia nel campo della Psicoterapia che in tutti gli altri campi che la Psicologia oggi offre.

La tua pubblicità su Scuole di Psicoterapia

Sei il Responsabile di una Scuola di Specializzazione in Psicoterapia? Stai organizzando un Evento nel campo della Psicologia? Vuoi far conoscere le tue attività formative? Se la risposta è SI ad una sola di queste domande, noi abbiamo la soluzione che può consentirti di far conoscere e di far crescere la tua attività, una soluzione semplice ed efficace che ti metterà in contatto con un target specifico e che ti permetterà di avere una rilevante pubblicizzazione ad un  costo/contatto minimo. Possiamo mettere a tua disposizione una serie di iniziative pubblicitarie concrete che, singolarmente o tutte insieme, possono farti raggiungere gli obiettivi che hai dato alla tua azione. Il BANNER (fisso o a rotazione), la SCHEDA PERSONALE, le NEWS LETTERS e, sopratutto, il nostro SETTORE...

Scegliere la Scuola di Psicoterapia

Il proliferare di nuovi indirizzi nel campo della psicoterapia, aumenta le opportunità di scelta e allo stesso tempo non la facilita. Difficile districarsi tra i nuomerosi orientamenti. In questa sezione troverete alcune informazioni sui principali approcci teorici in psicoterapia.

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità

I prossimi eventi segnalati da Scuole di Psicoterapia

21
Set
Associazione Aippi - Via Alessandria, 130 - 00198 Roma
-
Roma
Giornate di Presentazione della Scuola di Specializzazione       18 maggio – ore 10-13 L’assessment in adolescenza, Luisa Carbone, Didatta Aippi   9 giugno – ore

29
Set
Bari
-
Bari
Percorsi sul Sè: Riflessioni in Psicoanalisi

13
Ott
Bari
-
Bari
Percorsi sul Sè: Riflessioni in Psicoanalisi

27
Ott
Bari
-
Bari
Percorsi sul Sè: Riflessioni in Psicoanalisi

10
Nov
Bari
-
Bari
Percorsi sul Sè: Riflessioni in Psicoanalisi

News e Informazioni su Scuole di Psicoterapia

L'impotenza appresa

L'impotenza appresa è un modello comportamentale che implica una risposta disadattiva caratterizzata dall'evitare i cambiamenti, gli affetti negativi ed il collasso delle strategie di problem-solving quando sono presenti degli ostacoli. Tre sono le componenti necessarie per far sì che l'impotenza appresa sia presente: contingenza, cognizione e comportamento.

L’alleanza terapeutica nel disturbo dissociativo dell’identità

L’importanza della relazione terapeuta-paziente come "veicolo" per comprendere e risolvere le difficoltà relazionali e gli aspetti disfunzionali in pazienti con disturbo dissociativo dell’identità. L’American Psychiatric Association (APA) definisce il disturbo dissociativo come caratterizzato da due o più stati di personalità che mostrano una discontinuità rispetto al senso di sé con conseguenti alterazioni dei comportamenti, della memoria, della percezione, della cognizione e dei sentimenti, così come amnesia per eventi e/o esperienze traumatiche.

La comprensione condivisa in terapia

Secondo il Dottor Shedler, la comprensione condivisa è un elemento centrale in terapia, in quanto la problematica non può essere compresa solo dal paziente o dal terapeuta, poichè è qualcosa che si sviluppa insieme e trascende ciò che ognuno, preso singolarmente, riesce a capire da solo. All'interno del presente articolo, il Dottor Jonathan Shedler, Professore Associato presso la University of Colorado School of Medicine e Direttore di Psicologia presso il Dipartimento di Psichiatria, avendo insegnato presso molte scuole di psicoterapia, sottolinea...

Secondo un recente studio condotto presso l'Università della Korea, Seoul, gli utenti con dipendenza da smartphone mostrano cambiamenti nella cognizione sociale, un'attenzione ridotta ed una riduzione dell'eccitabilità nella corteccia prefrontale destra.

neurochimica della dipendenza da smartphoneLa dipendenza da smartphone o Smartphone Addiction, a volte colloquialmente nota come “nomofobia” , la paura di non avere un cellulare, è spesso alimentata da un problema di uso eccessivo di internet o da un problema di dipendenza da Internet.

Dopotutto, raramente è il telefono o il tablet a creare la compulsione, ma piuttosto i giochi, le app ed i mondi online a cui ci si connette.

La dipendenza da smartphone può comprendere una varietà di problemi di controllo degli impulsi, tra cui:

Relazioni virtuali: la dipendenza da social network, app per appuntamenti, messaggi di testo e messaggistica può estendersi al punto in cui gli amici virtuali online diventano più importanti delle relazioni di vita reale.

Tutti abbiamo visto le coppie sedute insieme in un bar o in un ristorante che si ignorano a vicenda e si intrattengono con gli smartphone. Mentre internet può essere un ottimo posto per incontrare nuove persone, riconnettersi con vecchi amici o addirittura iniziare relazioni romantiche, le relazioni online non sono un sostituto salutare per le interazioni della vita reale.

Gli amici online tendono ad esistere in una bolla, non soggetti alle stesse richieste o stress delle relazioni disordinate del mondo reale.

Poiché poche relazioni di vita reale possono competere con queste relazioni virtuali, si potrebbe provare a passare sempre più tempo con gli amici online, ritirandosi dalla propria famiglia o dagli amici del mondo reale.

L'uso compulsivo delle app di appuntamenti modifica l'attenzione producendo comportamenti di intimità a breve termine invece di sviluppare relazioni a lungo termine.

Le compulsioni online, come i giochi, il gioco d'azzardo, il commercio di azioni, lo shopping online o le offerte su siti di aste come eBay possono spesse determinare l'insorgenza di problemi finanziari e di lavoro.

Mentre la dipendenza da gioco d'azzardo è da anni un problema ben documentato, la disponibilità del gioco d'azzardo su internet ha reso il gioco d'azzardo molto più accessibile.

Il trading azionario compulsivo o lo shopping online possono essere altrettanto dannosi dal punto di vista finanziario e sociale.

I dipendenti da eBay possono svegliarsi a ore strane per essere online negli ultimi minuti di un'asta. Si possono acquistare cose che non servono o che non ci si può permettere solo per il gusto di provare l'eccitazione di piazzare l'offerta vincente.

Da un punto di vista neurochimico, la dipendenza da smartphone è correlata con squilibri neurochimici nel cervello, secondo uno studio primo nel suo genere presentato alla 103esima assemblea scientifica della Radiological Society of North America, a Chicago.

Questa ricerca è stata condotta da Hyung Suk Seo, docente di neuro-radiologia presso l'Università della Korea a Seoul.

Per questo studio i neuroradiologi hanno usato la spettroscopia a risonanza magnetica (MRS) – una forma specializzata di risonanza magnetica che misura la composizione chimica del cervello - per ottenere intuizioni uniche nel cervello delle persone che si ritiene abbiano sviluppato modelli di dipendenza nel loro utilizzo del digitale e la tecnologia.

Pubblicità

È interessante notare che un altro studio del luglio 2017 condotta dai ricercatori dell'Università Ben-Gurion in Israele, ha rilevato che gli utenti con dipendenza da smartphone mostrano cambiamenti nella cognizione sociale, un'attenzione ridotta ed una riduzione dell'eccitabilità nella corteccia prefrontale destra.

Per identificare la gravità di questa nuova forma di dipendenza, i ricercatori sudcoreani hanno utilizzato un questionario standardizzato per la dipendenza da smartphone o internet.

Le domande sono state progettate per chiarire la misura in cui il tempo eccessivo dello schermo influisce sulle attività quotidiane di qualcuno, sulla connessione sociale faccia a faccia, sulla produttività, sui modelli di sonno e sui sentimenti.

Più è alto il punteggio, più è grave la dipendenza”, ha detto il Dottor Seo in una nota. 

Gli adolescenti che fanno uso di smartphone avevano punteggi significativamente più alti in depressione, ansia, gravità dell'insonnia e impulsività.

La coorte di questo studio ha coinvolto 19 adolescenti a cui era stata diagnosticata la dipendenza da Internet o smartphone, ed un gruppo di controllo di 19 adolescenti di pari età e di genere non affetti da dipendenza.

Una dozzina di giovani adulti dipendenti da smartphone e internet sono stati sottoposti a nove settimane di terapia cognitivo comportamentale che è stata progettata per ridurre i sintomi di dipendenza.

Le scansioni con spettroscopia a risonanza magnetica sono state condotte su giovani tossicodipendenti prima e dopo la terapia comportamentale.

Una singola analisi di spettroscopia a risonanza magnetica è stata condotta sul gruppo di controllo non dipendente.

I ricercatori erano specificamente interessati a misurare due neurotrasmettitori ritenuti marcatori per vari tipi di dipendenza: in primo luogo, hanno monitorato il neurotrasmettitore inibitorio dell'acido gamma-aminobutirrico (GABA), che rallenta la segnalazione cerebrale.

In secondo luogo, hanno analizzato i livelli di glutammato-glutammina (Glx), che è un neurotrasmettitore eccitatorio che induce i neuroni a diventare più stimolati elettricamente.

I risultati della spettroscopia a risonanza magnetica hanno evidenziato che il rapporto tra GABA e Glx era significativamente aumentato nella corteccia cingolata anteriore nei giovani dipendenti da Smartphone e internet prima della terapia cognitivo-comportamentale.

Il Dottor Seo ipotizza che “l'aumento del GABA nel giro cingolato anteriore nella dipendenza da internet e da smartphone potrebbe essere correlato alla perdita funzionale dell'integrazione e alla regolazione dell'elaborazione nella rete neurale cognitiva ed emotiva”.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che un eccesso di GABA è correlato ad una serie di effetti collaterali che possono paradossalmente andare dalla sonnolenza all'ansia.

In una dichiarazione, ha detto il dottor Seo, “le proporzioni di GABA per la creatina ed il GABA per il glutammato erano significativamente correlate alle scale cliniche di dipendenza da internet e smartphone, depressione e ansia”.

L'aumento dei livelli di GABA e l'equilibrio interrotto tra GABA e glutammato nella corteccia cingolata anteriore possono contribuire alla nostra comprensione della fisiopatologia e del trattamento delle dipendenze”, ha concluso Hyung Suk Seo.

La buona notizia per tutti coloro che potrebbero essere dipendenti dal proprio smartphone è che dopo la terapia cognitivo-comportamentale, i rapporti GABA/Glx sono significativamente diminuiti o normalizzati nei giovani adulti con diagnosi di dipendenza da smartphone-internet.

Ovviamente, basandosi sulle piccole dimensioni della coorte e sulla natura preliminare di questa prima ricerca, sono necessari studi clinici più estesi prima di poter veramente comprendere le implicazioni cliniche della correlazione tra il rapporto GABA con Glx e la dipendenza da smartphone.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

Bibliografia

Hadar, Aviad, Itay Hadas, Avi Lazarovits, Uri Alyagon, Daniel Eliraz, and Abraham Zangen. "Answering the missed call: Initial exploration of cognitive and electrophysiological changes associated with smartphone use and abuse." PLoS ONE (Published: July 5, 2017)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Scuoledipsicoterapia.it?
Iscriviti alla nostra newsletter per essere in continuo contatto con la psicoterapia!
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
 

 

ECOPSYS - Scuola di Specializzazione in Psicoterapia della Famiglia

 Specializzarsi in Psicoterapia: ECOPSYS - Scuola di Specializzazione in Psicoterapia della Famiglia Orientamento: Sistemico Relazionale della Famiglia e della coppiaSede centrale: Via Verdi, 18 - 80132 NAPOLIAltre Sedi: Viale dei Bersaglieri...

leggi tutto...

Scuola di Formazione di Psicoterapia ad indirizzo Dinamico

Orientamento: Psicoanalitico - PsicodinamicoSede centrale: Via G.R. Curbastro, 29/B - 00149 ROMASedi periferiche: Piazzale Cesare Battisti, 10 - 47921 Rimini Via Aurelio Carrante, 9 - 70124 BariContatti: Tel. 06 55302364 Cell. 338...

leggi tutto...


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

Psiconline.it
News, informazioni, notizie,
consulenza psicologica online gratuita,
servizi per il mondo professionale, articoli e tanto altro.
Dal 1999 la psicologia e gli psicologi in rete!

 

logo psicologi italiani

 

logo psiconline



 

 

Tags: scuole di psicoterapia, nomofobia, neurochimica, dipendenza da smartphone, dipendenza da internet, cambiamenti nella cognizione sociale, riduzione dell'eccitabilità nella corteccia prefrontale destra, GABA, Glutammato

ICLeS - Istituto per la Clinica dei Legami Sociali ad Orientamento Psicoanalit…

 Specializzarsi in Psicoterapia: ICLeS - Istituto per la Clinica dei Legami Sociali ad Orientamento Psicoanalitico Lacaniano Orientamento: Psicoanalitico e PsicodinamicoSede centrale: via Settembrini, 17 - MILANOAltre Sedi: via Cappuccina, 36/38 -...

leggi tutto...

Integral Transpersonal Institute - Scuola di Formazione in Psicoterapia Transp…

Specializzarsi in Psicoterapia: Integral Transpersonal Institute - Scuola di Formazione in Psicoterapia Transpersonale Orientamento: Psicoterapia TranspersonaleSede legale: Via Villapizzone, 26 - 20156 MILANOContatti: Tel: 02 8393306; Fax: 0299980130Riconoscimento: Riconosciuto dal MIUR...

leggi tutto...

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità