Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy.

L'elenco online di tutte le Scuole di Psicoterapia italiane

Segui Scuole di Psicoterapia sui Social Network       

Scuole di psicoterapia

specializzarsi in Psicoterapia

Chi Siamo - Scuole di Psicoterapia

SCUOLE DI PSICOTERAPIA - Il luogo d'incontro della domanda e dell'offerta di formazione in psicologia Questo sito è dedicato alle scuole di psicoterapia, agli Istituti di Formazione in psicologia e a tutti gli Psicologi che sono interessati ad accrescere e migliorare la loro formazione post-universitaria. Il nostro obiettivo è quello di essere un polo di informazione ed una guida per tutti coloro che cercano di orientarsi nella scelta tra le tante opportunità ed offerte in materia di formazione professionale, sia nel campo della Psicoterapia che in tutti gli altri campi che la Psicologia oggi offre.

La tua pubblicità su Scuole di Psicoterapia

Sei il Responsabile di una Scuola di Specializzazione in Psicoterapia? Stai organizzando un Evento nel campo della Psicologia? Vuoi far conoscere le tue attività formative? Se la risposta è SI ad una sola di queste domande, noi abbiamo la soluzione che può consentirti di far conoscere e di far crescere la tua attività, una soluzione semplice ed efficace che ti metterà in contatto con un target specifico e che ti permetterà di avere una rilevante pubblicizzazione ad un  costo/contatto minimo. Possiamo mettere a tua disposizione una serie di iniziative pubblicitarie concrete che, singolarmente o tutte insieme, possono farti raggiungere gli obiettivi che hai dato alla tua azione. Il BANNER (fisso o a rotazione), la SCHEDA PERSONALE, le NEWS LETTERS e, sopratutto, il nostro SETTORE...

Scegliere la Scuola di Psicoterapia

Il proliferare di nuovi indirizzi nel campo della psicoterapia, aumenta le opportunità di scelta e allo stesso tempo non la facilita. Difficile districarsi tra i nuomerosi orientamenti. In questa sezione troverete alcune informazioni sui principali approcci teorici in psicoterapia.

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità

I prossimi eventi segnalati da Scuole di Psicoterapia

21
Set
Associazione Aippi - Via Alessandria, 130 - 00198 Roma
-
Roma
Giornate di Presentazione della Scuola di Specializzazione       18 maggio – ore 10-13 L’assessment in adolescenza, Luisa Carbone, Didatta Aippi   9 giugno – ore

29
Set
Bari
-
Bari
Percorsi sul Sè: Riflessioni in Psicoanalisi

13
Ott
Bari
-
Bari
Percorsi sul Sè: Riflessioni in Psicoanalisi

27
Ott
Bari
-
Bari
Percorsi sul Sè: Riflessioni in Psicoanalisi

10
Nov
Bari
-
Bari
Percorsi sul Sè: Riflessioni in Psicoanalisi

News e Informazioni su Scuole di Psicoterapia

L'impotenza appresa

L'impotenza appresa è un modello comportamentale che implica una risposta disadattiva caratterizzata dall'evitare i cambiamenti, gli affetti negativi ed il collasso delle strategie di problem-solving quando sono presenti degli ostacoli. Tre sono le componenti necessarie per far sì che l'impotenza appresa sia presente: contingenza, cognizione e comportamento.

L’alleanza terapeutica nel disturbo dissociativo dell’identità

L’importanza della relazione terapeuta-paziente come "veicolo" per comprendere e risolvere le difficoltà relazionali e gli aspetti disfunzionali in pazienti con disturbo dissociativo dell’identità. L’American Psychiatric Association (APA) definisce il disturbo dissociativo come caratterizzato da due o più stati di personalità che mostrano una discontinuità rispetto al senso di sé con conseguenti alterazioni dei comportamenti, della memoria, della percezione, della cognizione e dei sentimenti, così come amnesia per eventi e/o esperienze traumatiche.

La comprensione condivisa in terapia

Secondo il Dottor Shedler, la comprensione condivisa è un elemento centrale in terapia, in quanto la problematica non può essere compresa solo dal paziente o dal terapeuta, poichè è qualcosa che si sviluppa insieme e trascende ciò che ognuno, preso singolarmente, riesce a capire da solo. All'interno del presente articolo, il Dottor Jonathan Shedler, Professore Associato presso la University of Colorado School of Medicine e Direttore di Psicologia presso il Dipartimento di Psichiatria, avendo insegnato presso molte scuole di psicoterapia, sottolinea...

Nell'opera “The Skin Ego, A Skin for Thought, anche Psychic Envelopes”, lo psicoanalista francese Didier Anzieu presenta un resoconto inedito della relazione tra mente e corpo. In questo approccio unico alla soggettività umana, Anzieu vede la superficie del corpo - la pelle – come un costituente cruciale delle strutture e delle funzioni della mente.

psicoanalisi della pelle didier anzieu e io pelleDidier Anzieu è una figura intrigante nella psicoanalisi francese contemporanea. Critico di alto profilo di Jacques Lacan, Anzieu è ricordato da molti come “il primo a confrontarsi con il maestro”.

Il lavoro del maestro era, secondo Anzieu, diventato un'ortodossia e, conseguentemente, dogmatico.

Determinato a resistere a questo dogmatismo, Anzieu inizò a confrontarsi pubblicamente con Lacan nel 1953 quandp, in una conferenza internazionale, sfidò uno dei primi documenti di Lacan sul ruolo del linguaggio nell'inconscio.

Alla fine del lavoro di Lacan, Anzieu lo condannò per aver presentato il linguaggio come “rappresentante della totalità del campo della psicoanalisi e della totalità della prassi umana”.

Quindici anni dopo, la condanna di Anzieu è proseguita in un articolo intitolato “Against Lacan”.

Nell'articolo, Anzieu sostiene che il lavoro di Lacan è “un'eresia fondata su postulati più filosofici che psicoanalitici”, caratterizzata da una “tripla deviazione di pensiero, parola e pratica”.

La psicoanalisi della pelle

Dal Rinascimento”, osserva Didier Anzieu, “il pensiero occidentale è ossessionato da una particolare concezione epistemologica, in cui l'acquisizione della conoscenza è vista come un processo di rottura attraverso un involucro esterno per raggiungere un nucleo interiore”.

In questa osservazione, egli sta indicando una tradizione di lunga data nella produzione di conoscenza occidentale: quella di privilegiare dentro e fuori e sopra la superficie.

Per Anzieu, l'esteriorità somatica ha tutto il potere esplicativo dell'interiorità psichica e dovrebbe, quindi, essere presa sul serio.

La psicogenesi dell'Io-Pelle

Nei primi sei mesi di vita, il bambino si trova in uno stato di ciò che Freud chiama “Hilflosigkeit” o “impotenza”.

In questo stato, il bambino non ha ancora un Io completo; invece, ha ciò che è noto come Io-corporeo.

Secondo Anzieu, l'Io corporeo fornisce al bambino una serie di strumenti per andare oltre la sua dipendenza dall'ambiente di cura.

Entrambi elementari ed essenziali, questi strumenti consistono in “una disposizione per integrare diversi dati sensoriali [nonché] una tendenza a spostarsi verso gli oggetti e sviluppare strategie verso di loro”.

In questo modo, l'io corporeo fornisce al bambino gli elementi costitutivi di un vero e proprio Io.

Anzieu sostiene che l'io del corpo è sempre già un io-pelle.

Per comprendere il motivo per cui egli procede in questa argomentazione, dobbiamo rivolgere la nostra attenzione a ciò che Freud chiama i “processi primari”, poiché è dentro e attraverso questi processi che funziona l'io corporeo, o anche l'io-pelle.

Secondo Freud, i processi primari si riferiscono al modo più primitivo di essere nel mondo – quello in cui le leggi dello spazio e del tempo non sono familiari e le distinzioni di dentro/ fuori, soggetto/oggetto, Sè/altro sono per la maggior parte sconosciuti.

Ancora più importante, tuttavia, i processi primari si riferiscono ad una modalità di funzionamento mentale che viene prima del pensiero; in effetti, perchè il pensiero abbia luogo, l'Io deve essere adattato alla realtà.

Senza un Io adattato alla realtà e, per estensione, la capacità di pensare, il bambino ha senso del mondo che lo circonda nel solo modo in cui può: attraverso il suo corpo.

Anzieu sostiene che molte delle funzioni del corpo nella fase pre-Io vengono riprodotte su e attraverso la pelle.

Prendendo le funzioni di contenimento, protezione ed iscrizione come i suoi tre primi esempi, egli mostra che la pelle funziona come un Io surrogato per il bambino, poiché è la pelle che svolge i compiti vitali che l'Io a tutti gli effetti alla fine eseguirà.

Come afferma la psicoanalista inglese Esther Bick, collega di Anzieu:

Nella sua forma più primitiva, le parti della personalità non hanno alcuna forza vincolante tra loro e devono quindi essere tenute insieme in un modo che viene sperimentato passivamente dalla pelle - che funge da confine”.

La pelle del bambino può, quindi, essere vista come una sorta di modello corporeo per come si costruirà l'Io a tutti gli effetti.

Secondo Anzieu, l'Io-pelle è “un'immagine mentale di cui l'Io del bambino si avvale durante le prime fasi del suo sviluppo per rappresentarsi come un Io contenente contenuti psichici, sulla base della sua esperienza della superficie del corpo”.

In altre parole, Anzieu definisce l'Io-pelle come una rappresentazione mentale dell'esperienza della superficie del corpo usata dall'Io emergente del bambino per costruirsi come un contenitore capace di contenere contenuti psichici.

L'io-pelle non è, tuttavia, dato direttamente al bambino; deve essere raggiunto. Come una delle influenze chiave di Anzieu, lo psicoanalista britannico Donald Winnicott, sottolinea:

l'Io è basato su un Io corporeo, ma è solo quando tutta va bene che la persona del bambino inizia ad essere collegata con il corpo e e le funzioni corporee, con la pelle come la membrana limitante”.

Per capire come “la persona del bambino inizia ad essere collegata con il corpo, le funzioni del corpo, con la pelle come la membrana limitante”, dobbiamo guardare più da vicino le primitive esperienze della pelle del bambino.

Pubblicità

Il neonato non ha che una comprensione rudimentale di dove finisce il proprio corpo e inizia il corpo dell'altro.

Detto questo, la pelle è significativa nella vita del neonato nella misura in cui è il sito su cui e attraverso cui sono state create le sue prime impressioni sia di se stesso che di chi lo circonda.

Per di più, poiché il bambino funziona secondo i processi primari, sperimenta la sua pelle e gli stimoli che vi colpiscono attraverso la fantasia.

Come spiega Anzieu, le fantasie del bambino si riferiscono non solo alla sua pelle, ma alla pelle del suo caregiver.

Cioè, in questi primi stadi di sviluppo, quando il bambino è per la maggior parte inconsapevole dei propri confini corporei, percepisce la pelle del caregiver come propria; in altre parole, sperimenta ciò che Anzieu chiama la fantasia di una “pelle comune”.

Il bambino quindi non capisce se stesso come un essere separato o singolare a questo punto della sut vita.

Invece, sperimenta la propria pelle come fusa con quella del suo caregiver. Quando il bambino cresce e diventa mentalmente più maturo, sviluppa gradualmente il senso del proprio spazio corporeo - un senso che trae innanzitutto vantaggio dai suoi scambi tattili con il caregiver.

Questi scambi consentono al bambino di comprendere se stesso come un contenitore tridimensionale con interni ed esterni. Con questa comprensione arriva un senso di contenimento e, per estensione, l'individualità.

È quando il bambino inizia a dare un senso al proprio corpo in termini individuali e, in effetti, individuati, che la fantasia della pelle condivisa cede il passo.

Anzieu spiega:

il prossimo stadio richiede la soppressione di questa pelle comune ed il riconoscimento che ognuno ha la propria pelle ed il proprio Io, un riconoscimento che non avviene senza resistenza e dolore”.

L'acquisizione immaginata da parte del bambino di una singola pelle è, quindi, accompagnata dall'immaginazione di una pelle condivisa.

Per Anzieu, questo imbroglio immaginario è vissuto come una sorta di scuoiaménto fantasmatico poiché il bambino ha, fino a questo punto, sperimentato la pelle del caregiver come se fosse sua.

Lo 'strappo' della pelle condivisa è un momento chiave per il bambino. È in questo momento, quando il bambino si rende conto di avere la propria pelle e, per estensione i suoi interni ed esterni – che segna la transizione del bambino dal regno della pelle condivisa al regno dell'Io-pelle.

Più specificamente, l'acquisizione dell'Io-pelle segna il punto in cui il bambino sviluppa la capacità di immaginare se stesso come un essere tridimensionale legato e contenuto dalla superficie della sua pelle.

In altre parole, l'acquisizione dell'Io-pelle segna il punto in cui il bambino è in grado di trasporre le sue esperienze somatiche della pelle sul piano psichico e di immaginarle in modo psichico.

Anzieu spiega:

il bambino ha una rappresentazione di questo involucro che gli viene fornito da qualcosa di cui ha esperienza sensoriale frequente ( un'esperienza sensoriale mescolata con fantasie) – la sua pelle. Sono queste fantasie cutanee che vestono il suo Io nascente con una rappresentazione figurativa, certamente immaginaria, ma che mobilita […] ciò che è più profondo in noi, la nostra superficie”.

In breve, l'Io-pelle è una figurazione fantasmatica che, data la sua natura primitiva, può essere vista come un pittogramma interiore delle sensazioni superficiali del corpo.

Una volta che il bambino è in grado di evocare questa figurazione fantasmatica o un pittogramma interiore, la pelle comune è stata lasciata indietro e l'Io-pelle è stato raggiunto.

Acquisire un Io-pelle significa acquisire una pelle sia fisica che mentale propria - un'acquisizione che non ha luogo, tuttavia, senza la perdita traumatica della pelle condivisa.

Infatti, se Freud collega i traumi di sviluppo più formativi ad una castrazione genitale fantasmatica, allora Anzieu li collega ad uno squilibrio fantasmatico della pelle comune.

Collegando i traumi più formativi del bambino alle esperienze primitive del corpo e, più specificamente, la pelle, Anzieu può essere visto come il teorico che sposta la centralità del complesso edipico.

Questo spostamento non solo apre modi interessanti ed innovativi di pensare a come il trauma primitivo possa modellare la relazione dell'essere umano con la sua pelle per tutta la vita, ma consente anche un modello evolutivo che evita gli essenzialismi sessuati e di genere associati ad approcci freudiani e, per estensione, lacaniani.

Il modello psicogenetico di Anzieu è quindi di grande rilevanza per i teorici della cultura contemporanea.

In primo luogo, sottolinea il fatto che il bambino deve imparare a 'fare' la propria pelle.

In questo modo, il suo approccio ci fornisce una struttura sistematica per comprendere come gli esseri umani sono esseri corporei attivi e agenziali fin dall'inizio della vita.

In secondo luogo, Anzieu sottolinea il fatto che la relazione del bambino con il corpo del caregiver è fondamentalmente costitutiva della sua relazione con il proprio corpo.

Di conseguenza, il suo lavoro fornisce un approccio evolutivo che sottolinea la natura radicalmente relazionale dell'esperienza incorporata.

Terzo, Anzieu sottolinea il fatto che gli impegni del bambino con il proprio corpo ed il corpo dell'altro sono completamente legati ad una fantasia inconscia.

Di conseguenza, il suo approccio ci offre un modo rigoroso di pensare alle parti ed ai processi del corpo come al tempo stesso concretamente somatico e astrattamente psichico.

La teoria dell'Io-pelle di Anzieu pone quindi enfasi sull'agire, sulla relazionalità e sulla fantasia facendola così corrispondere non solo alla richiesta di Grosz di un qualche tipo di comprensione della soggettività incarnata o corporeità psichica”, ma anche alla richiesta di Fausto-Sterling di un approccio sistemico duale che vede i termini di mente/corpo, sé/altro e natura/cultura come entrambi prodotti e produttivi l'uno dell'altro.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

Bibliografia

  • Anzieu, D., 1989. The Skin Ego. New Haven: Yale University Press.
  • Anzieu, D., and G. Tarrab (eds), 1990. A Skin for Thought: Interviews with Gilbert Tarrab on Psychology and Psychoanalysis. London: Karnac Books.
  • Bick, E., 2002. ‘Further Considerations on the Function of the Skin in Early Object Relations’, in Surviving Space: Papers on Infant Observation, ed. A. Briggs. London: Karnac, pp. 60-71.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Scuoledipsicoterapia.it?
Iscriviti alla nostra newsletter per essere in continuo contatto con la psicoterapia!
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo
 

 

ARIRI - Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica

 Specializzarsi in Psicoterapia: ARIRI - Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica Orientamento: PsicoanaliticoSede centrale: via Amendola, 52 scala E 70126 BARIContatti: Cell. 347 0018171 - 329 6164043Riconoscimento:  Riconoscimento MIUR D. M...

leggi tutto...

ICLeS - Istituto per la Clinica dei Legami Sociali ad Orientamento Psicoanalit…

 Specializzarsi in Psicoterapia: ICLeS - Istituto per la Clinica dei Legami Sociali ad Orientamento Psicoanalitico Lacaniano Orientamento: Psicoanalitico e PsicodinamicoSede centrale: via Settembrini, 17 - MILANOAltre Sedi: via Cappuccina, 36/38 -...

leggi tutto...


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

Psiconline.it
News, informazioni, notizie,
consulenza psicologica online gratuita,
servizi per il mondo professionale, articoli e tanto altro.
Dal 1999 la psicologia e gli psicologi in rete!

 

logo psicologi italiani

 

logo psiconline



 

 

 

 

Tags: scuole di psicoterapia, psicoanalisi, Sigmund Freud, Io-pelle, Didier Anzieu, psicoanalisi della pelle, psicoanalisi francese, psicogenesi della pelle, processi primitivi, figurazione fantasmatica, Io-corporeo, la pelle condivisa, Donald Winnicott, Esther Bick

Istituto Gestalt Analitica (ex Centro Studi Psicosomatica)

Specializzarsi in Psicoterapia: Istituto Gestalt Analitica (ex Centro Studi Psicosomatica) Orientamento: Gestaltico AnaliticoSede centrale: Via Padre Semeria, 33 – 00154 ROMAContatti: Tel. 06 39745458Cell. 346 6885073Fax: 06 39760351Riconoscimento: Decreto del MIUR...

leggi tutto...

ASCCO - Accademia di Scienze Comportamentali e Cognitive

Orientamento: Cognitivo-comportamentaleSede legale: P.le Ravenet 5, ParmaSede didattica: P.le Ravenet 5, ParmaAltre Sedi: Non presentiContatti: tel 0521-037348, Cell. 334-6609665Riconoscimento: Decreto MIUR del 27-10-03

leggi tutto...

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità